albumina bassa

Albumina bassa in gravidanza

L’albumina è una proteina del plasma prodotta dal fegato. I suoi valori nel sangue devono essere costantemente monitorate per escludere alcune patologie, soprattutto in gravidanza. Vediamo cosa succede nei casi di albumina bassa in gravidanza.

Albumina bassa nel sangue

Le cause dell’albumina bassa possono essere diverse. Tuttavia, le principali sono per lo più legate allo stato di gravidanza per le donne, un periodo particolare nel quale lo stato ormonale risulta in qualche modo sconvolto. Durante la gestazione, infatti, si possono registrare dei valori bassi di albumina perché il feto sottrae nutrienti importanti alla mamma, per cui tale proteina si riduce.

Un altro motivo potrebbe essere dato dalla presenza di malattie epatiche e renali oppure può essere una conseguenza dell’assunzione della pillola anticoncezionale. Altre ragioni potrebbero essere collegate a malattie autoimmuni o a una dieta ipoproteica. In questi casi, bisogna rivolgersi al proprio medico, il quale stabilirà la linea da seguire per intervenire.

Albumina bassa sintomi

I sintomi che si presentano nei casi di valori bassi di albumina nel sangue sono ritenzione idrica, crampi, debolezza muscolare e la comparsa di edema.

Albumina bassa rimedi

Nei casi in cui l’albumina bassa sia connessa con la presenza di altre patologie o disfunzioni di altri organi, sarà necessario ricorrere all’uso di farmaci e altri trattamenti medici indicati dal proprio medico. A ciò si andrà ad aggiungere anche la somministrazione di integratori che possano favorirne la presenza nel sangue, riportando così i valori nella norma.

L’assunzione di integratori dovrà avvenire sotto stretto controllo medico, per stabilire le modalità di utilizzo e la durata del trattamento specifiche e per ogni paziente. L’inadeguata assunzione di albumina potrebbe peggiorare la situazione. Solitamente, l’albumina si acquista in forma liquida, in modo che possa agire in modo veloce sull’organismo.

Albumina bassa cosa mangiare

Nei casi di albumina bassa, se non vi sono particolari patologie croniche, potrebbe essere sufficiente consumare uova e cibi che aiutano a drenare i liquidi, quali finocchi, anguria, ananas e asparagi. E’ importante evitare il consumo di sodio, proprio per contrastare la ritenzione dei liquidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *