Educazione

Educare il proprio figlio è il lavoro più difficile per una mamma, ma anche il più bello. Tanti sono i dubbi dei genitori in merito ed è proprio dall’inizio che bisogna stabilire le regole di base, affinché il piccolo possa crescere con stabilità e coerenza.

Si inizia dalle prime regole sul cibo e su come si gioca. Successivamente iIl piccolo imparerà a capire cosa si può toccare e cosa no, cosa si può portare vicino la bocca e cosa evitare, quando dormire, come vestirsi, come stare a tavola e molto altro. Si tratta di steps fondamentali legati, senza esagerare, alla sopravvivenza del bambino stesso.

Una volta iscritto alla scuola materna, la mamma dovrà cercare di continuare a casa il lavoro intrapreso dalle maestre. Non sarà facile per lui ambientarsi in uno nuovo spazio, fatto non più di soli giochi, ma anche di studio. Al contempo, dovrà adattarsi anche a nuove autorità, che diventeranno punti di riferimento. E a convivere con nuovi amici.

Più informazioni diverse raggiungeranno il piccolo e più sarà predisposto alla confusione e ai capricci. A proposito di capricci: come gestirli? Come mamma spesso sarai tentata di agire, ad esempio, con la classica sculacciata. Ma è davvero utile per l’educazione? Esistono altri modi per far comprendere a tuo figlio ciò che è sbagliato?

Educare un bambino significa anche educare un po’ se stessi. E spesso sarà utile confrontarsi con esperti e con altre mamme. L’educazione del bambino è realmente un lavoro a tempo pieno. I bimbi hanno bisogno di momenti condivisi e di qualcuno che sappia aiutarli e guidarli nel bisogno. Ecco perché anche il genitore stesso avrà necessità di avere i propri strumenti guida, in particolar modo consigli giusti!

metodo Steineriano
Educazione

Metodo Steineriano

Il cosiddetto metodo Steineriano è un particolare approccio educativo che intende coprire l'intero ciclo d'istruzione del bambino. Comincia nella fase...