acetone bambini
Malattie e problematiche

Acetone e bambini: sintomi, cause, cure

L’acetone, detto anche chetosi, è uno dei principali disturbi infantili, e colpisce i bambini quando il loro organismo ha esaurito le scorte di zuccheri da bruciare per produrre energia e inizia ad attingere ai grassi. L’acetone si manifesta spesso nei bambini perché la dimensione del loro fegato e dei loro muscoli non è in grado di immagazzinare scorte di zuccheri sufficienti, a differenza di quanto accade con gli adulti.

Acetone nei bambini

I sintomi principali dell’acetone sono mal di testa, sensazione di spossatezza, mancanza di appetito, dolori addominali e a volte anche conati di vomito molto intensi con conseguente disidratazione. L’alito del bambino assume il tipico odore dolciastro causato dall’accumulo in eccesso di corpi chetonici nell’organismo, a cui si deve rimediare con la somministrazione immediata di zuccheri. Molto spesso i bambini tendono a manifestare i sintomi dell’acetone anche a causa di un’alimentazione poco bilanciata, caratterizzata dall’assunzione eccessiva di cioccolato, fritti, cibi grassi, latticini, insaccati, formaggi troppo elaborati (le cosiddette ‘schifezze’ che spesso si consumano durante l’infanzia); riequilibrare la dieta per almeno due o tre giorni è fondamentale per curare questo disturbo.

Lo stick per la diagnosi

Per verificare l’effettiva presenza di acetone nel bambino si possono acquistare le strisce reattive Ketur Test, da immergere nell’urina o da porre per qualche secondo sotto il suo flusso: la diagnosi viene effettuata in base alla colorazione che la striscia assume 60 secondi dopo l’immersione. La scala cromatica presente sulla confezione funge da legenda. Il test può essere effettuato dal genitore stesso prima di contattare il pediatra.

Acetone: come rimediare

Un palliativo immediato contro l’acetone è caratterizzato dallo zucchero. In casi di malessere intenso o se il bambino ha crisi di vomito, l’ideale è somministrare un antiemetico in bustine, come il Biochetasi, particolarmente indicato per disturbi di questo tipo, ovviamente dopo aver consultato il pediatra o il medico del pronto soccorso. E’ consigliabile far assumere al bambino grandi quantità di cereali fibre e liquidi per riequilibrare l’organismo ed evitare la disidratazione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.