Dislessia nei bambini

La dislessia nei bambini si ritrova in una percentuale  dell’8 – 10% nei soggetti. Si tratta maggiormente di bambini in età scolare, con una rapporto di 3 a 1 per i maschietti. Si caratterizza con una evidente difficoltà di apprendimento nella lettura. Tuttavia, se diagnosticata per tempo, può essere tranquillamente curata.

Dislessia nei bambini

Solitamente, la dislessia nei bambini viene riscontrata e diagnosticata intorno ai sette anni, proprio quando il bambino comincia ad andare alla scuola primaria. In questa età dovrebbe aver superato i problemi legati all’apprendimento della lettura, ma se compaiono difficoltà evidenti nella lettura, bisogna indagare per capire se, appunto, si tratti di dislessia.

Il bambino tende a confondere le lettere di grafia simile o che presentano un suono simile. In altri casi, inverte le sillabe oppure omette alcune lettere. Dinanzi a tali difficoltà, non di rado, i bambini dislessici si rifiutano di leggere. Se non diagnosticato in tempo, il problema, da adulti, potrebbe portare a serie difficoltà di espressione verbale.

Dislessia nei bambini cause

Non è semplice individuare la causa alla base del problema, tuttavia, alcuni studi hanno evidenziato come spesso la problematica di fondo sia un deficit cognitivo. Ciò significa che il cervello fa fatica a individuare i suoni, da qui deriva una serie di difficoltà nel decifrare e comprendere le parole stesse. Questo deficit sarebbe legato a un errato sviluppo di particolari aree del cervello. In altri casi, potrebbe essere un problema genetico per via di una componente ereditaria. In ultima analisi, non è da sottovalutare anche la componente socio-culturale che spesso influisce sul disturbo stesso.

Dislessia nei bambini come riconoscerla

Vi sono alcuni segnali specifici che devono destare l’attenzione dei genitori per riconoscere la dislessia. Infatti, un bambino dislessico, solitamente, tende a mescolare i suoni delle parole, mostra fatica ad allacciarsi le scarpe verso i cinque anni di età, ha difficoltà nella gestione degli spazi individuando correttamente la destra e la sinistra, il sopra e il sotto, non riesce a imparare le lettere dell’alfabeto a costruire correttamente delle frasi oppure a tenere bene in mano la matita.

Tutti questi sintomi sono particolarmente evidenti in età scolare, ma anche facendo attenzione a tutti questi segnali il problema può essere individuato intorno ai 5 anni. Questo, ad esempio, se il bambino ha chiare difficoltà di parola, se mostra un ritardo nell’articolazione del linguaggio, ha difficoltà nell’ascolto, nel ricordare i contenuti di una frase, a distinguere gli spazi o a muoversi a ritmo di musica.

Dislessia nei bambini terapia

Se si riconosce tempestivamente il problema, la dislessia può essere tranquillamente curata e soprattutto in maniera definitiva. Richiede, tuttavia, un impegno costante da parte dei genitori e degli insegnanti, che dovranno enfatizzare ogni piccolo progresso del bambino a scuola.

Il percorso che dovrà essere attuato prende in esame, anzitutto, una serie di esami specifici per valutare eventuali deficit o disturbi uditivi, neurologici e visivi del bambino. Successivamente il bambino dovrà essere seguito da un ortofonista, al fine di poter essere rieducato al linguaggio e, laddove fosse necessario, anche da uno psichiatra. Anche la scuola avrà un ruolo molto importante, poiché gli insegnanti dovranno valutare la situazione ed, eventualmente, far seguire al bambino un suo specifico percorso educativo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.