Prima Comunione senza Battesimo

Tra i temi  di grande attualità per le famiglie moderne ce n’è uno che desta particolare interesse. Infatti, molti genitori, prima o poi, arrivano a domandarsi se sia possibile o meno, per il proprio figlio, fare la Prima Comunione senza il Battesimo. Si tratta di un tema assai discusso dalle famiglie italiane e non solo, perché è un argomento che tocca anche gli appartenenti ad altre religioni, oppure gli atei. O comunque tutti coloro che decidono di avvicinarsi al cattolicesimo successivamente.

Prima Comunione senza battesimo: si può fare?

Essendo l’Italia diventata ormai da decenni un paese multiculturale, anche la Chiesa ha dovuto rivedere alcuni dogmi, per far si che i nuovi fedeli potessero avvicinarsi più agevolmente al cattolicesimo.

Iniziamo con il far luce una volta per tutte sulle voci di corridoio che girano a tal proposito e sulle quali c’è ben poco da discutere! Esistono delle regole ben precise che il Catechismo della Chiesa Cattolica ha stabilito.

La prima domanda che ci siamo posti è la seguente. La Prima Comunione senza Battesimo è possibile? No, ma tale risposta non è da intendersi come segnale di chiusura. Infatti, per la Chiesa, oltre al più conosciuto Battesimo d’acqua, esiste anche il Battesimo di desiderio che si affianca a quello di sangue.

Il primo è quello tradizionale che ci viene conferito da neonati. Il battesimo di sangue è la grazia che Dio ci fa in punto di morte. Riguarda ad esempio i neonati morti prematuramente, oppure gli adulti che in punto di morte decidono di convertirsi. Il battesimo di desiderio è molto simile e prescinde da un percorso di catechesi, perché si basa sulla ferma volontà da parte dell’interessato che dichiara di conoscere tutti i crismi della fede cristiana e di accogliere la parola di Dio nella propria vita.

Le persone che decidono di convertirsi in età adulta vivono alle volte come un muro la questione del Battesimo. Questo sacramento, infatti, è necessario per potersi confessare e quindi per prendere la Prima Comunione.

La Chiesa, in genere, fa passare diversi mesi tra un sacramento e l’altro, per capire se il nuovo fedele è realmente convinto della sua scelta e se il suo stile di vita è in linea con la religione cattolica.

C’è da dire che, essendo il Battesimo il momento in cui l’anima è liberata dai peccati e al fedele viene aperta la porta dei sacramenti, non avrebbe alcun senso ricevere la Prima Comunione senza questo passaggio fondamentale.

L’Eucarestia è infatti il coronamento della vita spirituale che avviene nell’età della ragione. Ovvero in un momento in cui il bambino, di quasi 10 anni, è pienamente consapevole di quello che gli sta capitando. Grazie anche all’aiuto del catechismo che fa luce su molte domande che i più piccoli si pongono.

In conclusione, nella maggior parte dei casi, chi decide di fare la Prima Comunione e non ha ancora ricevuto il sacramento del Battesimo, può farlo contestualmente. Le varie parrocchie prepareranno il percorso di catechesi durante il quale è dovere del parroco verificare la reale volontà del soggetto che intende fare la Comunione e, quindi, anche il Battesimo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.