depressione post partum
Post partum

Depressione post partum: sintomi, causa, durata, cura

Dopo il momento felice del parto molte donne vivono una stato psico-fisiologico molto particolare: la depressione post partum. Circa il 70% delle donne affronta tale disturbo, che in gran parte dei casi è solo passeggero, definito baby blues, mentre altre vivono una situazione un po’ più complessa i cui sintomi sono molto simili a una vera e propria depressione.

Depressione post-partum

Le neomamme dopo aver dato alla luce il loro bambino devono affrontare un cambiamento psicologico oltre che fisiologico del loro corpo. In gran parte dei casi si verifica una lieve forma di tristezza che si affievolisce, fino a scomparire totalmente, nell’arco di pochi giorni. Tutto ciò che bisogna fare è stare accanto alla neomamma e sostenerla nella sua nuova fase di vita, con tutte le difficoltà che essa comporta. La donna, dopo essere ritornata a casa e aver lasciato l’ospedale, dovrebbe cercare di stare serena e non affaticarsi troppo, concentrando le sue attenzioni solo sul suo bambino. Laddove questa forma di depressione post partum non dovesse scomparire naturalmente sarà opportuno sentire il proprio medico.

Depressione post partum cause

Nel momento in cui si diventa madre si comincia a vivere con l’ansia di non poter fare tutto nel migliore dei modi. Il tutto è una conseguenza di una serie di cambiamenti avvenuti in seguito alla nascita del bambino, la carenza di sonno, l’ansia di inadeguatezza, il timore di sbagliare. E’ importante ritrovare la propria serenità per potersi prendere cura del bambino.

Depressione post partum sintomi

Solitamente la depressione post parto è un disturbo che caratterizza gran parte delle donne, ancor più quando si tratta del primo figlio. Ecco che si manifesta con preoccupazioni eccessive e ansia. A ciò si accompagna anche un umore poco gioioso e la mancanza di forze e voglia a svolgere le normali attività quotidiane. Si possono anche avere disturbi del sonno e inappetenza.

Depressione post partum quanto dura?

La durata di tale stato depressivo varia in relazione alla personale situazione del soggetto. Può risolversi da solo o richiedere il sostegno di uno specialista.

Depressione dopo un anno dal parto

Non sempre la depressione si verifica subito dopo il parto. Spesso molte donne sperimentano questo particolare stato fisiologico e depressivo anche a distanza dall’evento. Alcuni soggetti vivono la depressione anche un anno dopo il parto. Questo perché devono affrontare tutta una serie di problematiche connesse al loro nuovo ruolo di mamme, l’ansia di non essere adeguate, la paura di non riuscire a sostenere tutti i bisogni del proprio bambino.

Come combattere la depressione post partum

Nel caso in cui i sintomi di depressione in seguito al parto non dovessero regredire spontaneamente e in breve tempo è consigliabile rivolgersi a un medico. Nelle forme più lievi basterà avere il sostegno e la comprensione del proprio compagno e dei familiari e provare a riposare per ritrovare la serenità necessaria. Nelle forme più sostenute allora potrebbe essere utile farsi aiutare da uno specialista per superare il problema, magari anche con l’ausilio di adeguati trattamenti farmacologici. Non bisogna temere di far ricorso ai farmaci, poiché in tali casi possono, al contrario, rappresentare un valido aiuto.

Depressione non curata

Non sempre la depressione post-partum regredisce spontaneamente, soprattutto nei casi in cui non si presenti in forma lieve. La cosa fondamentale, tuttavia, è non trascurarne i sintomi, poiché potrebbero portare a un quadro psico-fisiologico ben più grave. Questo potrebbe anche con il tempo interferire con il naturale ruolo di mamma e con la capacità di prendersi cura del neonato. Se i sintomi persistono, se ci si sente di pessimo umore e si piange anche per cause banali, è opportuno consultare il proprio medico e lasciarsi aiutare con adeguati trattamenti farmacologici che possano aiutare a ritrovare serenità.

Psicosi post partum

Lo stato di ansia e preoccupazione che una donna generalmente vive in seguito al parto va distinto in due differenti livelli: il primo, più lieve, è definito baby blues e si attenua spontaneamente con il trascorrere dei giorni, il secondo, più accentuato è il vero e proprio stato depressivo. Nel primo caso i fattori scatenanti sono la carenza di sonno, l’ansia di non essere in grado di far fronte ai vari problemi e un cambiamento ormonale fisiologico dopo il parto. Tutto questo può scatenare una sorta di psicosi dopo il parto. Tutto ciò che bisogna fare è cercare di ritrovare la serenità e affrontare ogni piccolo problema con la necessaria tranquillità. Nel secondo caso, invece, se i sintomi fossero più importanti, sarà opportuno valutare il trattamento necessario insieme al proprio medico.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.