giocare con il neonato
Giochi per bambini

Giocare con il neonato

Giocando con il neonato si fanno scoprire nuove cose mediante il tatto. Così il bambino può andare alla scoperta del mondo che lo circonda, impara a star seduto, si rapporta con i genitori e le altre persone che sono intorno a lui. Il bambino sin da piccolissimo impare a stabilire le relazioni proprio attraverso il gioco.

Come giocare con il neonato

Un neonato è particolarmente sensibile al ritmo, questo anche per via del tempo trascorso nel grembo della madre e il ritmo del cuore. Ecco perché un buon modo per stimolare il bambino è quello di cantare una ninna nanna mentre si fa una passeggiata. Durante i suoi primi mesi di vita il bambino impara moltissime cose, sotto gli occhi attenti e spesso meravigliati dei suoi genitori. Chiaramente, l’apprendimento e scoperta di nuove competenze avviene proprio attraverso la sua relazione con gli adulti e soprattutto con il gioco. Ecco perché è fondamentale anche rispettare le varie tappe motorie del bambino.

Perchè giocare con il neonato

Quando il bambino compie tre mesi, comincia già a riconoscere l’aspetto e la voce delle persone che sono intorno a lui. Comincia a sorridere e ad essere più reattivo alle varie sollecitazioni. Potrebbe essere utile allo sviluppo delle capacità sensoriali quello di mostrargli luci, colori o forme.

Giocando potrà anche sviluppare le sue abilità motorie e di coordinamento. Si potrebbe, quindi, giocare con lui mentre lo si cambia, facendolo ad esempio dondolare sul letto. Proviamo però a vedere quali altri giochi si possono fare con il bambino sin da piccolissimo, in modo da aiutarlo a rapportarsi al mondo che lo circonda.

10 giochi per stimolare lo sviluppo psicofisico

Un gioco molto carino e divertente per il bambino, potrebbe essere quello di leggere libri colorati, pieni di oggetti e animaletti, meglio se tattili, in modo da stimolare la sua curiosità e i 5 sensi. Leggere libri favorisce lo sviluppo cognitivo e del linguaggio, con ottime ripercussioni anche poi successivamente in età scolare. Meglio se magari si prova a cambiare il tono di voce e a fare i versi degli animali, per rendere la lettura un momento più divertente.

Importante per il bambino è stare a pancia in giù, perché stimola il movimento e l’attività cerebrale. Aiuta anche a facilitare il drenaggio dei dotti, orecchie e naso che tendono spesso a ostruirsi portando al manifestarsi di infezioni. Potrebbe essere un’idea carina quella di mettere il bambino davanti a uno specchio, a pancia in giù, sul letto o su di un tappeto. Lasciatelo giocare con la sua immagine riflessa. Nei suoi primi mesi di vita, il bambino non ha bisogno di molte cose per poter giocare.

Ottima idea anche quella di creare un angolo con un materassino in gommapiuma, oppure anche una vecchia trapunta, in modo che il bambino si muova tranquillamente e in sicurezza. Sul tappetino si potranno mettere degli oggetti colorati, dei sonagli o altri giocattoli che possa mettere in bocca. Così il bambino può esercitare il coordinamento dei movimenti utili per afferrare gli oggetti.

Si potrebbe anche allestire una sorta di piccolo cesto dei tesori, con all’interno tutti i suoi giocattoli. I bambini si divertono a scoprire quello che si nasconde nel cesto. All’interno si possono mettere oggetti di diverso materiale e differenti per forma e colore, al fine di permettergli di sviluppare i sensi.

Le filastrocche e le canzonicne sono il mezzo migliore per rassicurare il bambino, ma come già sottolineato aiutano anche a fargli sviluppare il senso del ritmo e la stimolazione motoria. Meglio se si accompagnano le filastrocche con dei movimenti lenti e dolci.

Anche le giostrine sono molto utili perché il bambino sviluppi i sensi e sia stimolato a scoprire ciò che lo circonda. Può anche sviluppare la percezione della profondità e delle distanze.

Oppue, perché non usare una semplice girandola colorata mentre è tranquillamente disteso sul tappetino o sul letto? I colori accesi lo divertiranno moltissimo e svilupperanno la vista.

Quando il bambino comincia a gattonare per casa, potrebbe essere molto divertente per lui il gioco dello scatolone dal quale entrare ed uscire. Sarà un momento divertente in cui i genitori potranno giocare insieme a lui. Per rendere il tutto più carino, si possono anche mettere intorno alla scatola dei giochi perché il bambino ne sia attratto.

Affinché il bambino possa imparare a riconoscere i colori si potrebbe fare il gioco delle coppie di oggetti dello stesso colore. Si possono anche usare oggetti di uso quotidiano dello stesso colore con posate, pattine, guanti ed altro.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.