Quando si comincia a sentire il battito del bambino

Il momento più emozionante per i futuri neo mamma e papà è quando si comincia a sentire il battito del bambino. Questo è possibile già dopo le dieci settimane di gravidanza. Per poterlo sentire, però, bisogna utilizzare la modalità doppler ecografica.

Il battito del bambino, da quando?

Secondo quanto riportato dalle Linee Guida nazionali, è opportuno non provare a sentire il battito del bambino prima delle dieci settimane. Questo, per evitare, un probabile surriscaldamento del muscolo cardiaco. Infatti, quando si ascolta il battito del bambino con ecografia, bisogna prestare molta attenzione ad evitare di causare alterazioni al suo cuoricino. Gli ultrasuoni sono una metodologia assolutamente sicura e non invasiva. Tuttavia, prima delle dieci settimane potrebbe esserci comunque il rischio di creare danni al piccolo, seppur di lieve entità.

Il battito cardiaco del feto è già presente fin dalle dieci settimane di gestazione, ma quello dell’embrione è visibile già intorno alle sei o sette settimane. La prima ecografia può essere fatta entro le 10-12 settimane per accertare la gravidanza e la presenza dell’embrione, del battito, verificando anche se l’utero sia integro.

Come ascoltare il battito fetale

Il battito fetale può essere ascoltato mediante, appunto, ecografia ostetrica. Non solo, si tratta anche di un esame diagnostico e di monitoraggio. E’ utile per accertare la gravidanza, nonché per verificare lo sviluppo degli organi fetali. Col tempo servirà anche a controllare la corretta crescita del bambino. Per quanto concerne la sua utilità in termini di monitoraggio, l’ecografia serve anche a tenere sotto osservazione le gravidanze difficili, che hanno bisogno di un’attenzione particolare, al fine di scongiurare l’aggravarsi di patologie piuttosto frequenti, come la riduzione della crescita del feto, o riduzione del liquido amniotico.

Se non si sente il battito c’è da preoccuparsi?

Il battito fetale può essere sentito, come già sottolineato, a partire dalla decima settimana. Delle volte può accadere che non si senta alcun battito fetale, ma non bisogna entrare nel panico, perché il momento del concepimento, spesso, è da posticipare rispetto a quello calcolato in relazione alla data dell’ultimo ciclo.

Potrebbe esserci stata un’ovulazione in ritardo, pertanto, in tal caso la sesta settimana sarebbe in realtà la quinta o quarta per il feto. Ecco perché alla domanda a quante settimane si possa sentire il battito, per avere certezza, la risposta più adeguata è, a partire dalla decima settimana. Sarà comunque il ginecologo a fornire tutte le informazioni utili.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.