villocentesi
Esami in gravidanza

Villocentesi

La villocentesi è un esame da fare in gravidanza che permette di prelevare frammenti di tessuto coriale (componente della placenta) che dovranno essere analizzati in laboratorio con lo scopo di rilevare eventuali patologie genetiche e cromosomiche.

Villocentesi

Molte donne non sanno quando farla. In realtà questo esame viene prescritto solo a quelle pazienti in cui vi è un alto rischio di incorrere nella formazione di malattie genetiche e cromosomiche. Ad esempio a mamme che hanno avuto problemi simili in precedenti gravidanze o in coppie in cui ci sono rischi di malattie genetiche come talassemia, emofilia e fibrosi cistica. L’esame si consiglia di farlo tra l’11 e la 13 settimana di gravidanza, in particolar modo alla dodicesima.

Villocentesi rischi

Prima di sottoporsi a questo delicato esame, è bene conoscere quali rischi ci sono. Questo test è molto invasivo in quanto il prelievo del tessuto coriale avviene per via transaddominale con l’inserimento di un ago, appunto attraverso l’addome della futura mamma.

Secondo studi recenti tra i rischi vi sono malformazioni fetali. Tale rischio scende quasi a zero grazie alle apparecchiature moderne e ai medici esperti. In casi estremi la perdita del feto varia tra una percentuale di  1-2%. Dopo l’esame, inoltre, può succedere che possa verificarsi una perdita di sangue o liquido con la conseguenza di incorrere in malattie infettive. Ma questo rimane pur sempre un caso raro ed eccezionale!

Villocentesi costo

Questo esame è completamente gratuito in strutture pubbliche per tutte quelle donne il cui feto abbia un alto rischio di riscontrare malattie genetiche e cromosomiche. Se, invece, si sceglie di fare questo esame privatamente, il costo si aggira intorno ai 1000/1700 euro in base alla struttura ed eventuali e successivi esami di approfondimento.

Villocentesi risultati

In attesa di ricevere i risultati, si consiglia di restare a riposo per non creare ulteriore stress al feto. I risultati saranno disponibili nel giro di venti giorni, mentre se l’esame è stato eseguito privatamente si potranno ricevere i risultati anche in pochi giorni.

Villocentesi o amniocentesi?

Villocentesi e amniocentesi sono specifici esami da fare in gravidanza. Questi test sono consigliati alle donne che possono restare incinte in età avanzata e a tutte quelle future mamme che possono riscontrare nel bambino patologie genetiche e cromosomiche. Sia la villocentesi che lamniocentesi sono test che permettono di individuare queste patologie, ma la villocentesi può essere fatta prima. Per fare l’amniocentesi bisogna, infatti, aspettare la quindicesima, mentre la villocentesi si effettua a partire dall’undicesima settimana. Ma a differenza dell’altro esame, l’amniocentesi comporta meno rischi.

Villocentesi e translucenza nucale

La translucenza nucale è un altro test che può essere fatto in gravidanza. Questo esame va fatto nel primo trimestre e permette di valutare i tessuti molli della nuca del bambino. Se, infatti, questi tessuti tendono a risultare spessi, significa che il bambino può essere affetto da patologie cromosomiche (come la sindrome di Down). Nel caso in cui questi tessuti non rispettino i normali parametri (1,1 – 1,4 mm), viene consigliato di fare ulteriori esami.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.