acne neonatale
Malattie e Disturbi

Acne neonatale

L’acne neonatale non è altro che una lieve irritazione della cute del bambino e si manifesta in forma di piccoli puntini rossi o brufoli. Interessa, solitamente, la pelle del viso e si manifesta qualche settimana dopo la nascita. Da non confondere con uno sfogo dato da intolleranze alimentare.

Acne neonatale

L’acne neonatale si manifesta durante i primi giorni di vita del bambino. E’ una irritazione che interessa la pelle del bambino, che è ovviamente molto delicata. Appare con dei piccoli brufoletti e puntini rossi. A essere maggiormente interessata è l’area del viso. Per questo, sarebbe opportuno consultare il medico, che sarà lui a stabilire se si tratta di acne neonatale o di altri fenomeni cutanei come l’eritema o eczema.

Acne neonatale cause

Tra le principali cause dell’acne neonatale vi è la trasmissione di particolari ormoni da parte della madre mentre il bambino è in grembo. Si tratta degli ormoni che stimolano proprio le ghiandole sebacee, favorendo tali eruzioni. Tale problematica è causata dalla mancanza di metabolizzazione di questi ormoni nel bambino, funzione svolta dal fegato della madre mentre il piccolo è ancora in grembo.

Dopo la nascita si crea una sorta di squilibrio nel corpo del bambino, tanto da portare alla formazione di questi accumuli di grasso. Al momento della nascita, i bambini possono produrre una ridotta quantità di ormoni. Tra gli altri fattori che possono favorire il manifestarsi dell’acne neonatale vi è il rigurgito di latte e saliva. Un’altra ragione potrebbe essere ritrovata nell’uso di detergenti particolarmente aggressivi.

Acne neonatale maschio o femmine?

L’acne infantile risulta tra i fenomeni più comuni, tanto da interessare all’incirca un neonato su cinque. Va sottolineato come tale problematica colpisca per lo più i soggetti maschi. Non vi è, tuttavia, nulla di cui preoccuparsi, poiché non provoca sensazioni di bruciore o prurito. Si tratta essenzialmente di un problema prettamente estetico.

Acne neonatale rimedi

Per risolvere il problema dell’acne neonatale non occorrono particolari rimedi. Si tratta, infatti, di una manifestazione cutanea transitoria che tende a regredire spontaneamente con il tempo. In breve tempo i puntini rossi o brufoletti scompaiono senza creare danni alla pelle del bambino. Tutto ciò che occorre fare è pulire la pelle del bambino, utilizzando detergenti delicati specifici per i più piccolini.

Ancora meglio se si utilizzano oli adatti, tamponando la cute con un batuffolo di cotone nell’area interessata da acne. Se la pelle del bambino è molto sensibile, sarà sufficiente lavarla solo con acqua senza usare lozioni. Nel caso in cui, l’acne dovesse protarsi per più di cinque mesi, allora sarà consigliabile rivolgersi al pediatra, per valutare con attenzione la situazione specifica. Tra i rimedi naturali che si rivelano particolarmente efficaci per attenuare l’acne neonatale vi è l’uso del’olio vea e dell’amido di riso.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.