Sperma denso, cause e conseguenze

Lo sperma denso è un fenomeno piuttosto comune tra gli uomini, non c’è nulla di cui allarmarsi. Spesso, però, potrebbero nascondersi disturbi più seri, per questo, potrebbe risultare utile eseguire degli esami.

Sperma denso, cosa significa

Lo sperma è composto da una parte liquida e da una solida che è poi quella costituita da spermatozoi e altre sostanze. Sono esattamente queste ultime che conferiscono allo sperma il colore bianco perlaceo. Molti, erroneamente, ritengono che uno sperma molto denso possa rivelare problemi di infertilità nell’uomo. Non è esattamente così, poiché lo sperma piuttosto denso potrebbe indicare un eccesso di spermatozoi con ridotta motilità. Per diagnosticare qualunque tipo di problematica, non bisogna valutare il colore dello sperma, bensì sottoporsi ad una visita andrologica con uno spermiogramma. Al fine di escludere la presenza di eventuali infezioni, potrebbe anche essere richiesto un esame batterioscopico sullo sperma. In ultimo, potrebbe richiedersi necessario anche eseguire i dosaggi ormonali.

Le cause

Le cause che portano alla produzione di un liquido seminale troppo denso possono correlarsi al fatto che il soggetto faccia passare poco tempo tra una eiaculazione e l’altra. Per cui, gli organi deputati alla produzione di sperma, non hanno il tempo sufficiente per ricreare altro liquido seminale. In altri casi ciò può essere dato dal fatto che la componente liquida dello sperma è presente solo in minima parte. Attenzione, perché questo potrebbe ricollegarsi al fatto che ci sia una scarsa idratazione a livello sistemico, perché magari si beve poca acqua. In alternativa, potrebbe essere legata ad una mancanza di eccitazione adeguata. In altri soggetti, potrebbero anche esserci dei problemi di potenza sessuale che riguardano la libido e la capacità di erezione.

Sperma denso o poco denso

Lo sperma denso è una delle caratteristiche fondamentali del liquido seminale, attenzione però che non assuma consistenza gelatinosa, poiché potrebbero esserci delle infezioni in atto. Quando lo sperma è trasparente, vuol dire che la parte solida, ovvero gli spermatozoi che si trovano all’interno, sono in misura eccessivamente ridotta.

Vari tipi di sperma

Lo sperma può presentarsi in vari tipi e colorazioni. Può essere di colore giallo, marrone e rosso. Chiaramente, in quest’ultimo caso è dovuto alla presenza di sangue nello sperma. Quando il liquido seminale si manifesta di colore giallo, non vi è nulla di cui allarmarsi. Un uomo adulto, in una singola eiaculazione emette circa da 1,5 ml a 6 ml di liquido seminale, l’equivalente di un cucchiaino. Questa quantità è legata all’intervallo di tempo che passa tra un’eiaculazione e un’altra, ma anche dalla produzione di testosterone, dallo stress psicofisico cui è sottoposto il soggetto e altri fattori. Generalmente, maggiore è l’intervallo tra un’eiaculazione e l’altra, più alta sarà la quantità di liquido seminale prodotta. La quantità massima si raggiunge dopo circa una settimana di astinenza da rapporti sessuali. Varia anche il numero di spermatozoi presenti per millilitro di eiaculato, che si aggira da 20 a 200 milioni per millilitro. La densità del liquido spermatico cambia rapidamente dopo l’emissione. Appare inizialmente denso e cremoso, per poi fluidificarsi dopo pochi minuti. L’odore è piuttosto intenso ed è correlato all’ossidazione della spermina nella sua base volatile.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.