Quando iniziano a sentire i neonati
Crescita del neonato

Quando iniziano a sentire i neonati

Quando iniziano a sentire i neonati? L’udito è uno dei sensi più importanti per l’essere umano e lo è ancora di più per un bambino, che per nove mesi non ha altro mezzo per interagire con il mondo esterno.

Quando iniziano a sentire i neonati

I bambini cominciano a sentire fin da dentro la pancia della mamma, anche se i suoni gli arrivano ovattati dal liquido amniotico che li circonda. A partire dal sesto mese di gravidanza il nervo acustico si è completamente formato e il bambino inizia a reagire agli stimoli sonori. Se il suono è abbastanza forte da superare il battito del cuore della madre, il feto si gira nella sua direzione. Alcuni studi hanno perfino dimostrato che dopo la nascita i bambini reagiscono con maggior coinvolgimento a suoni e canzoni che hanno ascoltato spesso quando si trovavano ancora nell’utero materno.

Cosa sentono i neonati

I neonati sono in grado di percepire da subito tutti i tipi di suoni, anche se hanno una preferenza per i suoni di tonalità alta, come le voci femminili. Non è un caso infatti che molte persone siano portate d’istinto a rivolgersi ai bambini piccoli con una voce più acuta del normale. Questa preferenza potrebbe dipendere dalla continua esposizione durante la gravidanza alla voce della madre, che infatti riconoscono fin dal primo mese di vita. Tuttavia, anche se sentono già molto bene, fino al secondo mese i neonati non sono in grado di individuare l’origine di un suono nello spazio.

Come capire se un neonato sente

Non appena il neonato è in grado di muovere la testa e di trovare la fonte di un rumore, inizia a voltarsi in quella direzione. Osservando questo comportamento si può capire se il bambino sente o meno, ma a volte potrebbe non essere sufficiente. Per averne la conferma, attorno all’ottavo mese si consiglia di eseguire il cosiddetto test di Boel. Con questo test il medico valuta lo sviluppo delle abilità psico-motorie del neonato, tra cui l’udito. Durante il test di Boel, il bambino viene esposto a due tipi di stimoli, uno visivo e l’altro sonoro, e in situazioni normali la sua attenzione sarà attirata dal secondo.

Rumori forti e neonati

I neonati reagiscono ai rumori forti con quello che viene definito “riflesso di Moro”. Ogni volta che una porta sbatte o una persona grida, il bambino sobbalza e interrompe le sue attività, poi distende le braccia, allarga le mani e alla fine le richiude come se abbracciasse qualcosa. A volte a questi gesti può seguire il pianto. Il riflesso di Moro è una reazione normale e di solito scompare verso i tre o quattro mesi di età.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.