sigaretta elettronica in gravidanza
Disturbi e malattie

Sigaretta elettronica, fa male in gravidanza?

La sigaretta elettronica dovrebbe essere evitata o decisamente ridurre sensibilmente l’utilizzo in gravidanza. E’ questa la raccomandazione internazionale che giunge dai medici, in virtù dei possibili rischi per la salute della donna e del bambino. A ciò si aggiunge anche una effettiva mancanza di studi definitivi che possano provare il contrario.

Sigaretta elettronica

La sigaretta elettronica in gravidanza sarebbe più indicato evitarla. E’ questo quello che la comunità scientifica internazionale ha recentemente stabilito a riguardo. A giustificazione di tale tesi vi è il possibile rischio di conseguenze negative per il bambino in grembo, oltre che una mancanza di studi in merito a tutti i possibili effetti sulla salute. Si è pronunciata a favore di tale tesi anche l’OMS, oltre a veri centri per il controllo delle malattie situati in America ed altre agenzie sanitarie nazionali.

Sigaretta elettronica fa male in gravidanza?

La risposta a tale domanda è, sì, le sigarette elettroniche fanno male in gravidanza. Queste, in realtà, si dividono in due categorie, quelle contenenti nicotina e quelle che ne sono prive. Quelle con nicotina possono essere d’aiuto a chi sta provando a smettere di fumare il tabacco o sigarette tradizionali. Al di là di qualunque distinzione, bisogna in ogni caso affermare con forza che in gravidanza non bisognerebbe fumare. E’ scientificamente provato che la nicotina può avere effetti nocivi sui vasi sanguigni e di conseguenza comportare anche problemi a quello che in gestazione è l’organo maggiormente vascolarizzato, vale a dire la placenta. Da qui ne deriverebbe una serie di problematiche a livello fetale. Molte donne ne sono coscienti e non a caso, quando scoprono di essere in dolce attesa, smettono di fumare, o comunque ne riducono il consumo.

Fumo passivo da sigaretta elettronica

Non esistono ad oggi ancora delle prove evidenti che l’esposizione involontaria ai vapori emanati dalla sigaretta elettronica possano creare danni alla salute. L’ingrediente principale delle sigarette elettroniche è il glicole propilenico, rilasciato dal fumo sintetico. La stessa sostanza si utilizza per la produzione del fumo usato per gli effetti speciali nei concerti. Si tratta di un composto tendenzialmente sicuro, sebbene, sia stato osservato che l’esposizione a lungo possa dare luogo a irritazione delle vie aeree, tosse e in rare situazioni anche asma e riniti.

In realtà, la sicurezza degli aromo impiegati nel fumo sintetico è poco chiara. Sono da considerare sicuri se ingeriti, ma alcuni di essi comportano irritazione nelle vie aeree. Non solo, non è ancora chiaro se possano creare danni alla salute una volta riscaldati e inalati. Il diacetile, aroma utilizzato ad esempio nel burro, è sicuro se ingerito, ma se riscaldato e inalato a dosi elevate e per un lungo periodo, causa bronchiolite.

Alcuni studi hanno messo in evidenza come, le sigarette elettroniche rilasciano idrocarburi policiclici aromatici nell’ambiente, che sono potenzialmente cancerogeni. Non è tutto, perché la nicotina rilasciata nell’ambiente può essere inalata dai presenti e depositarsi sugli abiti, con effetti di cui ancora si sa ben poco.

 

Fumo senza nicotina in gravidanza

Le sigarette elettroniche senza nicotina, in realtà, contengono o potrebbero contenere altre sostanze nocive per la salute. Ad esempio, i derivati del benzene, glicerolo, o altre sostanze aromatiche. Per cui, perché rischiare di esporre il bambino ad eventuali rischi di cui non si è ancora certi? Sarebbe un’incoscienza che si può tranquillamente evitare. Se le sigarette elettroniche, che non sono comunque totalmente prive di rischi, possono considerarsi un aiuto per chi cerca di smettere di fumare, può ritenersi comprensibile l’uso. In gravidanza però, è più importante mettere al primo posto la salute del bambino ed usare cautela. Il discorso potrebbe essere diverso nel caso in cui la donna in gravidanza è una fumatrice incallita. In tal caso potrebbe valutare insieme al medico l’uso della sigaretta elettronica e seguire un particolare percorso riabilitativo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.